“Viagra Calabro”, breve storia di una ricetta che ci rende orgogliosi

lucamammolenti_premiazione_01La gioia di un premio va condivisa.

Soprattutto se prima di ritirarlo ci tremano gambe e voce.
Se devi attraversare due regioni e tanti kilometri per riceverlo.
Se devi uscire da un carcere, quello di Saluzzo, e rientrare in un altro, quello di Bollate.
Se ad accompagnarti è una persona con il cuore grande come la fotografa Virginia Chiodi Latini.
Per questo siamo felici della gioia di Luca Mammolenti, il nostro compagno di strada che ha scritto una ricetta bellissima, il “Viagra Calabro”, dedicata alla preparazione del peperoncino sotto conserva… fatto in carcere.

Adesso non aspettiamo altro… tutti vogliono gustarne il segreto!

 

***

Il premio culinario “Cuochi Dentro” è la ciliegina sulla torta del progetto omonimo organizzato da Sibyl von der Schulenburg e dall’associazione Artisti Dentro Onlus, insieme al suo gemello letterario “Artisti dentro”. Dopo la fase pilota del 2015, nell’edizione 2016 “Cuochi Dentro” ha raccolto le adesioni di moltissimi detenuti appassionati di cucina, le cui ricette sono state giudicate da una commissione di esperti, presieduta dalla chef Viviana Varese, (ristorante “Alice” di Milano) e composta da Claudio Sadler (chef del Ristorante Sadler di Milano), Nicola Batavia (chef del Ristorante Birichin di Torino) Marco Cive (chef con esperienza pluriennale di insegnamento, anche in carcere), Leda Verderio (blogger e insegnante di cake design con il marchio Leda Intorta), Gualtiero Villa (chef della scuola di cucina Cucina In di Milano) e Victoire Gouloubi (chef del Ristorante Victoire di Milano). La premiazione è avvenuta il 26 ottobre 2016 presso il carcere di Bollate, a Milano.

 

Editor e responsabile dei contenuti per l'Associazione culturale Sapori Reclusi