La fotografia è…

corso2

Saluzzo, Stampatingalera, 4 aprile 2014

Davide ci ha mostrato delle immagini. Casolari sperduti, resti di vite passate, mura e legno, feritorie. Palme che si stagliano nel cielo cupo squarciato dalla luce di un sole che penetra dalle nubi e schiaccia l’uomo che di profilo guarda la terra. Cosa vediamo, quando guardiamo? Cosa proviamo, quando vediamo? E come possiamo stampare, se non sappiamo cosa vogliamo comunicare?
Così ci abbiamo provato. Ognuno, in cerchio, ha detto la sua. E così da due foto ne sono nate mille, una per ogni sentimento suscitato, una per ogni sguardo che vi si è posato sopra. Imparare a descivere gli stati d’animo e a leggere le emozioni dello sguardo, questa la prima lezione.

 

La fotografia rappresenta comunque un percorso di vita, la bellezza della natura e trasmette anche felicità, tristezza e commercio: comunque incontri ravvicinati. Giusto?
(Vincenzo)

La fotografia è la descrizione di un attimo. Un album di vita
(Nico)

La foto è un bellissimo ricordo che negli anni passati ci rivediamo come eravamo splendidi e pieni di vita. La foto dà una sensazione di gioia e nello stesso tempo tristezza e dolore, pensando e riguardando che qualcuno non c’è più con noi. A volte guardando una foto di un bellissimo paesaggio in me si riaccende una passione perché per me la foto è passione e vita.
(Francesco)

La foto è un tipo di comunicazione espressiva, muta e interpretativa. Ha lo scopo di comunicare con la stragrande maggioranza della gente.
(Echbani)

La foto è un istante da immortalare in uno scatto per osservarsi e ricordare tutto il tempo che vivi su questo meraviglioso pianeta.
(Totò)

La fotografia è comunicazione , interpretazione esprime emozioni e stati d’animo, a volte può diventare arte.
(Maurizio)

La fotografia ci permette di comunicare e di scrivere il nostro lato artistico.
(Giovanni)

La foto per me è l’attimo impresso nel tempo e suscita infinite emozioni, in base allo stato d’animo dello spettatore. Ci sono giorni in cui niente va per il verso giusto: mi basta guardare una foto per rianimare il mio stato d’animo, la foto della principessina, la mia bambina.
(Andrea)

Editor e responsabile dei contenuti per l'Associazione culturale Sapori Reclusi