Comunicare lo sport

Alberto spiega  bn MENS SANA IN CORPORE SANO Saluzzo, Stampatingalera, 24 aprile 2014 Quando abbiamo detto ai ragazzi che sarebbe venuto un giornalista a parlare di sport, nessuno si aspettava che sarebbe comparso lui. Con la sua simpatia innata e oltre 25 anni di esperienza tra campi di calcio e redazioni sportive, Alberto Pastorella ha spiegato ai detenuti del corso cosa c’è dietro un articolo di giornale, come si cercano le notizie, come si scrive un giornale sportivo e perché lo si scrive così. Con lui abbiamo parlato di sport e di valori, abbiamo analizzato il cambiamento della comunicazione con l’avvento della televisione e, negli ultimi 10 anni, di internet, abbiamo analizzato le differenze tra una comunicazione di carta e una digitale. Tra blog dei direttori e prime pagine abbiamo visto come anche un quotidiano possa essere un’azienda che deve comunicare il suo prodotto a un pubblico di utenti. E che deve farlo al meglio, interpretando cioè i bisogni del suo pubblico. Impossibile, nel corso della chiacchierata, non parlare di cosa significhi lo sport dentro le mura di un carcere. E così nel laboratorio di redazione web, al pomeriggio, abbiamo provato a scrivere insieme un articolo di sport.  Partendo dalla ricerca di un fatto (la presenza di un campo di calcio dentro il carcere) dei bisogni (lo sport come valvola di sfogo e di aggregazione) dei problemi (il fatto che in questo campo… nessuno può realmente giocare).

[red]

       

Editor e responsabile dei contenuti per l'Associazione culturale Sapori Reclusi